“Condividere”,
una parola molto spesso usata dalle coppie soprattutto quando c’è da lamentare un qualcosa che non va.
Es. “Io e mio/mia marito/moglie non condividiamo mai niente, è sempre in giro per lavoro….”
È vero, in amore condividere aumenta e arricchisce ancor di più il sentimento come anche nell’amicizia.
Ma credo che il momento più appropriato per dar senso a questo vocabolo è A TAVOLA!
Eppure mi capita spesso di entrare nei ristoranti, sedersi e guardarmi intorno curiosa da ciò e chi mi circonda e mi ritrovo il solito quadretto abbastanza triste e sconsolato: un uomo e una donna o una madre e il proprio figlio/a, due amici.. che per ore non si parlano e ancor peggio non si guardano. Mutismo, indifferenza, noia… assurdità!
Ecco per me è riluttante!!!
Non uscite allora. Rimanete a casa davanti la tv.
Per me sedersi a tavola è una festa, è uno dei momenti più belli durante le mie giornate.
Ci dedico il mio pensiero.
Ancor più bello se con me ci sono le persone che amo e che mi fanno star bene.
Chiacchierare, ridere, giocare, affrontare anche discorsi seri davanti a un bel piatto di pasta e un bicchiere di vino non ha prezzo!
Ecco, per me, questo significa condividere!
Condivisione di sapori.
Manifestazione della Divinità…
il cibo ha un legame strettissimo e inscindibile con la spiritualità.
Vi siete mai chiesto che lavoro facesse Gesù?
Secondo me era un cuoco. E anche molto bravo!Intenditore delle materie prime come il frumento da seminare e raccogliere, i pesci da pescare e scegliere, un ortaggio per condire.
Insomma quando ci ritroviamo A TAVOLA cerchiamo di nutrire non solo la gola ma anche la nostra preziosissima anima.

 

Facebook
YouTube
Instagram
 P. Iva: 03479890752 Privacy Policy e Cookies

si4web

© 2018 | All rights reserved